Frammenti dell’Invisibile

Ritorno dopo anni di silenzio a scrivere e condividere. La prima domanda che mi sono posto è stata: perchè ho la necessità di scrivere? Perché avere un sito? Forse per visibilità? Sì, credo proprio di sì: desidero più che mai essere visibile. Visibile a me stesso, visibile a Dio, visibile a tutti coloro che vorranno intraprendere con me questo tratto di strada.

Ma che cosa desidero rendere visibile? Solo dei piccoli frammenti, dei cocci spezzati del vaso che è la mia vita. Una vita sempre più ridotta a frammenti e cocci che cerco con cura, che amo, che rigetto, che riscelgo senza mai aggiustare nulla… solo così il profumo dell’esistenza continuerà a essere sparso senza nulla trattenere.

E ancora che cosa rendere visibile? L’ Invisibile. Non posso negare chi sono. Non posso nascondermi dietro a una pagina. L’invisibile è parte della mia quotidiana esistenza. La preghiera lo stesso respiro. L’incontro con Lui, un balzo in un abbraccio. La mia umanità, un porto a cui approdare e potersi sentire al sicuro.

Questa visibilità mi obbliga a dire chi sono! Sono il frutto di una brezza leggera, di un fuoco divorante, di lacrime notturne e solitarie, di rintocchi sordi del cuore, di briciole incandescenti di Pane e di gocce dorate di Vino. Ecco chi sono.

Sì. Sono un prete di Dio. Un prete di questa chiesa ferita e santa perchè amata. Sì sono un prete o, meglio, un cane che cerca di non disperdere le pecore di Dio e difenderle dal pericolo. Insomma, un cane da guardia, più che un pastore.

Una risposta a "Frammenti dell’Invisibile"

I commenti sono chiusi.

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: