23 dicembre: Non smettere mai

Alla vigilia della vigilia arriva il tempo della solitudine luminosa

quando le lettere, graziosamente, si destano e si rincontrano,

dopo tanto e largo spazio, e si abbracciano componendo versi da tempo sotterranei e sopiti:

la crepa nell’alto muro permette alla goccia di sole di scavalcare la pietra

e scendere dolcemente lungo le sue venature.

E così raggiunge lenta e splendida la terra dissetandola in un balzo e un sospiro.

Alla vigila della vigilia il tempo rallenta e per alcuni si dilata

e attorno si aprono ampi spazi

allargando il cuore del mondo così pesante…

così lento…così stanco…

Alla vigilia della vigilia s’affrettano tutti,

s’affrettano a sperare contro ogni speranza per non cadere inesorabilmente,

per avere le forze di rialzarsi ancora e ancora,

dentro tutto e nonostante tutto, ancora e sì… s’affretta anche Lui

– un respiro -s’affretta anche Lui –

un altro respiro –

e ci corre incontro e fra le sue mani sta – come in un nido –

la nostra carne spezzata da ricomporre ancora e di nuovo e sempre e oltre…

Ti prego: non smettere mai.

Sì, non smettere mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: