Verbi di fuoco

A voi che ascoltate: facciamone parte!

Stiamo continuando ad ascoltare il discorso che il nostro Signore sta proclamando ai suoi discepoli, ai Dodici e alla folla che lo cercavano perché avevano fame di Lui e avevano bisogno della sua parola. Allora, Gesù non resiste all’uomo e alla donna che chiedono una sua parola, un suo sguardo di amore, un tocco di guarigione.  Gesù non resiste e si ferma – lui che sempre cammina in mezzo gli uomini – si ferma per rispondere alle mani aperte che a Lui si rivolgono con desiderio, con speranza, con ansia. 

Gesù parla – a voi che ascoltate – già, a voi che ascoltate. 

Gesù non parla a tutti ma a coloro che hanno compiuto la scelta di ascoltarlo , a chi davvero voleva rimanere con Lui . A voi! A noi?

In questo voi ci possiamo essere anche noi. Il fatto di essere qui, di partecipare all’eucarestia, di leggere queste parola non dice immediatamente che siamo parte di quel voi del vangelo di oggi. Siamo chiamati a prestare attenzione e scegliere con consapevolezza che la Parola di Dio ha davvero qualcosa da annunciare alla nostra personalissima vita.

Amate in modo folle, fate del bene, benedite, pregate…

Ora, se ci stiamo affidando a Gesù e alla sua Parola, entriamo con la nostra vita in essa. Se dovessi sintetizzare l’incipit del vangelo di oggi direi così: “Cari miei discepoli – a voi che ascoltate – amatemi e amatevi in modo folle”. E quindi? Fate del bene, benedite, pregate… Ecco i verbi di fuoco che il Signore ci offre oggi, verbi che ci possono trovare tutti d’accordo, ma sono i destinatari a poter creare scalpore: amate i vostri nemici, i vostri odiatori, gli infamanti, gli sparlatori, i non amabili.

Il Signore ci sta dicendo: “Caro discepolo… cari tutti che siete qui e ascoltate la mia parola – a voi che ascoltate – Ama! Ama chi oggi ti mette il bastone fra le ruote nei tuoi bei progetti, ama chi ti è ostile e riattacca sempre a battute e parole; ama chi non ti sa dire grazie e non riconosce la tua bontà, il tuo modo di servire, la tua onestà, la tua buona fede;  ama chi è malvagio con te, chi è violento contro di te a parole, nei fatti, nelle umiliazioni, nella mormorazione… ama chi ti scandalizza, ama in modo gratuito, perdonando, in una parola ama come un folle, come un pazzo che sceglie di voler bene chi più lo tratta male. Tu che sei qui ama così!”. 

Se non è amare in modo folle questo! E tutto questo perché il folle Dio guarda con benevolenza l’ingrato, il nemico, il malvagio… così noi. 

Ciò che volete che gli uomini facciano a voi, fatelo voi a loro

“Poi Gesù indica la seconda origine di tutti questi verbi di fuoco: ciò che volete che gli uomini facciano a voi, fatelo voi a loro. Come una capriola logica, rispetto a ciò che ha appena detto, ma che è bellissima: non volare lontano, torna al cuore, al desiderio, a tutto ciò che vuoi per te: abbiamo tutti un disperato bisogno di essere abbracciati, di essere perdonati, di uno almeno che ci benedica, di una casa dove sentirci a casa, di contare sul mantello di un amico. Ho bisogno di aprire le braccia senza paura e senza misura. Ciò che desideri per te, donalo all’altro. 

Altrimenti saprai solo prendere, possedere, violare, distruggere. L’amore non è un optional. È necessario per vivere, e per farlo insieme. In quelle parole, penetranti come chiodi, è nascosta la possibilità perché un futuro ci sia per il mondo. Nell’ultimo giorno il Padre domanderà ad Abele: cosa hai fatto di tuo fratello Caino? Ho perdonato, gli ho dato il mantello, ho spezzato il mio pane. La vittima che si prende cura del violento, insieme forzano l’aurora del Regno. Solo un sogno? Vedrai, verranno a mangiare dalle tue mani il pane dei sogni di Dio. È già accaduto. Accadrà ancora”.

E. M. Ronchi


Le letture le puoi trovare qui


Una risposta a "Verbi di fuoco"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: