Fecondità

Piegavi il tuo corpo

su di me mentre ti consegnavo
i frutti maturi della mia giovinezza

e tu – Occhistanchi –
mi salvavi offrendomi le tue rughe

mentre dalle tue lacrime

– di sudore e di pianto –

venivo trasfigurato da arida terra in fecondità
e di memoria in memoria
di storia in storia

continuavi con le tue esili dita

a sbriciolare l’indurite zolle

e a imprimere il tuo volto sulla mia pelle.

da Occhistanchi, poesie di V. Gabujo


(in ristampa)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: