Scatenate la parola

Fogli incatenati,

menestrelli impauriti,

foglie a terra calpestate dai venti,

mani intrecciate

in attesa di essere districate:

date voce alla penna inceppata,

il cielo si apra,

il lampo scenda

nel grembo della conchiglia

e generi la perla.

Fogli miei imprigionati,

violini nell’aria,

tronchi sul filo dell’acqua

ignari della partenza 

e nell’oscura speranza 

di un arrivo:

scatenate la parola,

sia dischiuso il libro,

il cielo si dischiuda ancora,

il fulmine colpisca la terra,

siano infrante le tenebre,

in un cristallo di luce.


da Ubicumque, I giorni del rischio, Vanio Garbujo

Una risposta a "Scatenate la parola"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: