Il regno di Dio: l’ordinario colmo di Lui

Le letture: QUI

Siamo Stiamo cercando di comprendere che cos’è il Regno dei Cieli. Anche noi come i primi discepoli ascoltiamo Gesù che ci offre la sua parola che si esprime in parabole. Il Regno dei cieli è simile… la differenza sostanziale tra noi e i discepoli del tempo di Gesù è che noi queste parabole del Regno le abbiamo già ascoltate e riascoltate, ce le hanno già spiegate. 

Facciamo un esercizio: sorprendiamoci! 

Cerchiamo di metterci dentro disponibilità della sorpresa dei primi discepoli del Signore

Proviamo a metterci nei panni di coloro che non hanno mai sentito queste parabole rispondiamo alle domande: che cos’è il Regno dei cieli che Gesù annuncia e dove lo possiamo trovare oggi? Gesù, narratore di parabole, sceglie sempre parole di casa, di orto, di lago, di strada. Parole di tutti i giorni, dirette, immediate, comuni. Racconta storie di vita e le fa diventare storie di Dio! Raggiungendo tutti e portando  tutti alla scuola delle piante, della senape, del filo d’erba.

Che cos’è il regno di Dio?

Il Regno di Dio è simile ad un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo; il Regno di Dio è simile ad un granello di senapa seminato nel campo; Allora che cos’è il Regno di Dio? 

Di certo il Regno di Dio è qualcosa, è un’esperienza che si assaggia già nell’oggi della nostra esistenza: si narra, infatti, di semi, di terra, di frutti, di zizzania, di una donna che fa da mangiare e di un albero di senape che, cresciuto, porta rifugio per gli uccelli del cielo. Si parla, quindi, della nostra terra, di quello che accade nel nostro mondo di esperienze, di lavoro, pensiamo al seminatore. Il Regno di Dio è un’esperienza ordinaria, quindi vita eterna già oggi… Il regno di Dio è la vita ordinaria riempita di Dio, colma, della sua Presenza.

Ma se ascoltiamo bene le due parabole ci accorgiamo pure che il regno di Dio è un seme seminato dentro la terra, nascosto nel grembo oscuro della terra, nel mistero della nascita dell’albero nuovo. Per cui il Regno di DIO sebbene sia un’esperienza che siamo chiamati a toccare con mano nella nostra quotidianità, è pure difficile da comprendere subito perché si nasconde nel grembo della terra, si fa notare dopo molto tempo nella pazienza del seminatore, dei servi e della donna. 

Il regno di Dio deve essere cercato nella semplicità, nella vita di ogni giorno, negli occhi della donna o dell’uomo che amate, nello sguardo assonnato dei vostri figli al mattino mentre voi dovete andare a lavoro, nei nostri genitori che attendono una nostra parola di affetto, nella pazienza da portare per un problema al lavoro, nella collaborazione con le persone che ci stanno a fianco, nel giudizio da sospendere davanti ai fratelli e sorelle, oppure per un dolore che attraversa improvvisamente la nostra vita e ci investe con la sua potenza. 

Qui il seme di Dio cresce, si fortifica e si fa spazio se noi impariamo ad aspettare e a riconoscerlo. 

Certa è una cosa: il Regno di Dio è destinato comunque a maturare, a farsi notare, a proteggere, a creare condivisione. Sì, il Regno di Dio non muore, non può essere nascosto a lungo. 

Dio compie la sua strada nelle nostre strade e continua a seminare, a creare possibilità di Regno e, nella speranza, sappiamo che Dio attende la conversione dei cuori di tutti a Lui, al suo sguardo amante della vita e della nostra vita.

Il seminatore?

Il Seminatore ci invita a pazientare, ci invita a vedere il male e a sperare che diventi bene, ci chiede la nostra umile testimonianza perché possiamo divenire luogo di conversione per molti fratelli e sorelle che ci incontrano. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: